INTRODUZIONE 


Il Dott. Umberto Grieco medico con più di un cinquantennio di attività, oltre che nella pratica medica,ha dedicato la sua opera nella ricerca per sempre meglio perseguire la verità nei vari settori in cui si è impegnato. 

Una vita ricca di esperienze ed emozioni come si può ben dedurre leggendo le sue opere, la sua biografia ed il curriculum. I frutti di queste esperienze vengono illustrati in varie sezioni del sito. 

Abbiamo a tal scopo distinto le teorie ed ipotesi formulate, le lezioni, le testimonianze, i casi clinici, l'uso di fitoterapici, pubblicazioni,consigli,video,etc. 

Abbiamo inserito la "Accademia di Bioarmonia" per i meritevoli scopi che si propone e per l'aiuto che essa può dare a ciascuno di noi sia in campo spirituale per la nostra crescita che per la assistenza con la "radionica". 

Ospitiamo con piacere chi persegue i nostri scopi al servizio del prossimo. 

Per completezza riportiamo parte della introduzione dal suo ultimo libro, edito da "Il Caduceo" di Lugano (Svizzera), "Vivere di Matti": 

"Chi osserva ed insegna i precetti del Signore sarà grande nel Regno dei Cieli. Settantacinque anni compiuti. Quasi al termine, secondo le statistiche della Scienza, della vita da trascorrere ospite di questo pianeta terra, con un percorso alle spalle ricco di esperienze ed emozioni, ho ritenuto opportuno fare il "punto nave" della situazione narrandovi alcuni casi salienti per il comportamento psicopatologico della umanità ed interessanti per noi al fine di sempre migliorare la nostra conoscenza, consapevolezza e coscienza e facendo tesoro degli errori altrui evitarci dispiaceri, dolori ed affanni e perfino malattie in questo nostro percorso terreno. 

Se avete la pazienza fatemi la cortesia di leggere il seguito e penso che alla fine, anche se col rischio che mi si dia del "matto" da parte di tanti che si ritengono benpensanti, concorderete con me. Ho iniziato questa mia esperienza terrena in una famiglia povera ed onesta del Meridione d'Italia, come ce ne sono tante. 

Settimo ed ultimo figlio vissuto perché l'ottavo che avrebbe con la sua presenza regalata alla famiglia la esenzione dalle tasse* se ne tornò in Cielo quale aborto rifiutando all'ultimo momento la vita e con essa la nascita. La mia infanzia è trascorsa, come narrato, alla insegna delle tre "effe", Fame, Freddo e Fascismo. Delle prime due ne ho sofferto tanto col mio gracile corpicino. Ero sempre affamato ed in casa mia mi avevano dato l'appellativo del "lupo". 

Ma c'era poco da fare,il "mangiare" disponibile,ben poca cosa, mamma Teresa, prudentemente lo chiudeva a chiave nella credenza, lo "stipo", per evitare che ce lo divorassimo innanzi tempo. 

Quanto al freddo, si aspettava la sera per usufruire,noi fratellini piccoli, reciprocamente del riscaldamento umano, dormendo in più, noi fortunati, ammucchiati nel letto grande, quello matrimoniale, che era provvisto anche della coperta imbottita, l'unica in casa. 

Per il Fascismo, ho dovuto attendere la guerra e poi il resto per rendermene un'idea. C'ero nato, e mi sembrava negli anni di guerra normale e regolare diffidare degli ebrei e tirare sassi all'insegnante di inglese. La propaganda ci indottrinava fin dalla nascita e ce ne è voluto per rendersi ragione dello stato dei fatti e iniziare a respirare la "libertà". Ero adolescente quando arrivarono gli americani e con i viveri, polveri varie di piselli, fagioli, etc. ci annunciarono le libertà: freedom from wont, religion, speek, work! 

Era l'epoca in cui si anelava a tante cose e nonostante le ferite e le piaghe della guerra perduta, forte degli insegnamenti e dell'esempio, in particolare di mamma Teresa, donna di fede nella Provvidenza Divina, speravo ed ero fiducioso e certo in un futuro migliore. Per questo, con fede e tanta volontà, ce l'ho messa tutta negli studi, nel lavoro, nella professione, nei rapporti con gli altri, adoperandomi sempre per il bene, il benessere ed il rispetto, dando al prossimo la mia fiducia. 

Di esperienze ne ho fatte tante, belle e brutte. Dovessi tirare le somme, la bilancia penderebbe più per le seconde che non per le prime. Man mano ho incominciato a vedere le cose con un'altra ottica per cui anche quelle brutte o negative hanno iniziato ad apparirmi positive. Questo mi fa rammentare mio padre, Don Giovanni, "il Tenente" quando ripeteva, con la saggezza dell'esperienza del suo vissuto, che "tutte le salite viste dall'alto diventano discese". 

Ce ne è voluto di tempo, ma alla fine, ho imparato a ringraziare veramente ed effettivamente con tutto il cuore il Signore Iddio per il dono della vita e di tutto il mio vissuto. Esso è stato tutto necessario affinché prendessi coscienza e consapevolezza della realtà della vita e del suo scopo. "Fatti non foste a viver come bruti, ma per seguir virtute e conoscenza!" Il Sommo ce l'aveva già cantato nella Divina Commedia e Gesù ci ha insegnato cosa fare. Ma tra il dire ed il fare ce ne è voluto. Man mano che col mio comportamento mi sono allontanato dalla "norma" hanno iniziato a darmi del "matto". Non venivano condivise ed accettate le mie scelte. Il rinunciare ai facili guadagni ed il dedicarmi a ricerche e speculazioni mentali in campo professionale e spirituale erano cosa da matti. 

Perché mettere in discussione dogmi e teorie? Chi ero da permettermi tali licenze? Libertà sì, ma concessa e permessa sempre e solo in ossequio a quanto le Autorità Costituite desideravano e ci imponevano. Il Papa, il Duce, il Re, erano divinità intoccabili ed indiscutibili. L'Assoluto! Poi, la guerra perduta, la fuga di Pippetto, e la Chiesa, pur se infallibile, costretta ad ammettere di non essere sempre stata coerente con la dottrina che propugna e predica, hanno iniziato ad incrinare la credibilità e stabilità di tali autorità. A chi e a cosa credere, allora? A chi affidarsi? Cosa fare? Ne parleremo alla fine".  

* La Campagna fascista per incrementare le nascite prevedeva allora la esenzione completa dalle tasse a chi aveva otto figli. 

BUONA NAVIGAZIONE!



HOME PAGE






bioskin3000

BIOSKIN3000

Per una pelle da sogno

Distribuito in farmacia da 

OMEOFARMA SRL